Potare gli alberi: come riuscire a sbarazzarsi dei rami

L'autunno è un buon momento per potare alberi e aiuole boscose. Per questo motivo è utile farlo in questo periodo, invece di bruciare o smaltire i rami, riciclali. Durante l’autunno le foglie cadono dagli alberi ed è generalmente un buon momento per potare siepi, arbusti e alberi del giardino. Un lavoretto che va di pari passo con quello di evacuare i rami.

Dopo aver fatto la potatura evita di bruciare ciò che hai prodotto. Infatti, questo tuo procedimento può essere poco tollerato dai vicini e dai regolamenti comunali. Oltretutto, il nostro ambiente è in grande difficoltà, a maggior ragione con il legno appena tagliato. Un incendio di 50 kg di rifiuti verdi produce così tante particelle quante sono il riscaldamento di una casa per più di quattro mesi.

Una soluzione è quella di contattare un’azienda specializzata nella rimozione dei rami e dare incarico a loro di eliminare il tuo scarto legnoso. Se vuoi puoi contattare https://www.sandeisrl.it/ e sbarazzarti per sempre di questo tuo ingombro.

Altra soluzione, invece, è la molatura che costituisce un'interessante alternativa all'eliminazione dei rami. Ciò consente di ridurre il volume dei rifiuti e quindi ne facilita lo smaltimento. Ma il materiale triturato può anche essere riutilizzato in modi diversi senza nemmeno doverlo smaltire da casa.

Il riciclaggio più semplice è l'uso del pacciame. Questa copertura ha il vantaggio di rallentare la crescita di erbe cattive e di mantenere l'umidità del suolo. E mentre si decompone, questo scarto di legno nutre il suolo. Avendo uno spessore sufficiente, questo pacciame può anche servire come protezione dal gelo ai piedi di alcune piante o arbusti più fragili. Fai attenzione a evitare le conifere schiacciate, la cui natura acidificante può essere dannosa. D'altra parte, posto direttamente sulle erbacce, può quindi avere un effetto diserbante.

Potare gli alberi e utilizzare gli scarti per decorare i giardini

I rami sminuzzati costituiscono anche un interessante apporto di carbonio per il compost. E la tecnica del "legno rameale frammentato" (BRF) permette di modificare direttamente il terreno dell'orto. È necessario uno strato di almeno un centimetro di spessore e il processo può essere accelerato rastrellandolo leggermente per affondarlo nei primi centimetri di terreno.

Un altro utilizzo più marginale: materiale macinato come combustibile da riscaldamento. Alcune caldaie (ad esempio cippato di legno) lo accettano, a patto che sia ovviamente asciutto. I rami più piccoli possono essere utilizzati anche per accendere un fuoco a legna, in una stufa, un braciere o un barbecue. Infine, risparmia alcuni rami le lame e le fiamme. Quelli di alcuni tipi di legno (nocciolo, frassino, salice, noce, ecc.) sono particolarmente indicati per realizzare pali o recinzioni e schermi intrecciati. Una tale composizione darà a questi rami una nuova vita, sia utile che decorativa nel giardino.

Realizzare un rifugio naturale

Tenere un mazzo di rami in giardino è un riparo naturale per tutta la fauna che ti sarà utile contro i parassiti. Risparmia un po' di lavoro e accontenta gli ospiti in giardino. Un mucchio di rami in un angolo del giardino fornirà un riparo che attirerà vari animali e insetti. Tra gli ospiti, il riccio apprezzerà ancora di più questo mucchio di rami protettivi se si infila sotto una cassa foderata di paglia o foglie morte.

Sotto il mucchio di rami, le erbe e le foglie in decomposizione produrranno calore e umidità che attireranno anche rospi e una moltitudine di insetti. Tra queste la coccinella che ama ripararsi sotto la corteccia dei rami secchi, proprio come la forbicina. Tanti preziosi alleati contro gli afidi durante il ritorno dei giorni di sole. Alcuni uccelli troveranno anche lì un rifugio ideale. Puoi anche usare rami sottili per gestire al meglio l’attività vitale degli insetti.

Posts created 15

Related Posts

Begin typing your search term above and press enter to search. Press ESC to cancel.

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi